Non ci sarà più pietra su pietra

Martedì 24 novembre 2020 — 34a settimana del tempo ordinario — Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca 21, 5-11 — Sii fedele fino alla morte, dice il Signore, e io ti darò la corona della vita.

Leggi tutto...

Venerdì 25 settembre 2020 — 25a settimana del tempo ordinario — Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca 9, 18-22 — Il Figlio dell'uomo è venuto per servire e per dare la sua vita come riscatto per la moltitudine.

0 : 00

Quando Gesù chiese ai suoi discepoli come lo conoscessero, Pietro rispose: "Il Cristo di Dio", cioè "Colui che è unto da Dio". Dio lo ha unto per salvare il mondo. Il popolo ebraico ha atteso a lungo il Messia o il Salvatore. I discepoli si resero conto che Gesù ha tutte le qualità per essere il Salvatore o l'atteso Messia, il Cristo, l'Unto di Dio. L'unico che Dio ha mandato a predicare la Buona Novella ai poveri e agli oppressi. La professione di fede di Pietro è la prova che il suo insegnamento ha raggiunto il cuore dei discepoli. Tuttavia, questa conoscenza che i discepoli hanno di Gesù - il Messia che deve subire la sua passione e morire sulla croce - deve rimanere segreta. Perché lui solo sa come deve morire. Non come il Messia che dovrebbe essere il liberatore del popolo d'Israele dal giogo dell'occupazione romana, ma come Colui che è venuto per liberare gli uomini dalle catene del peccato e dalla stretta della morte. Le persone quindi non lo conoscono abbastanza bene come il vero Cristo, il Salvatore del mondo prima che sia risorto. Fu solo dopo la sua risurrezione che la fede in lui fu completa e perfetta.

La risurrezione di Gesù è quindi il fondamento della nostra fede. È il respiro che anima la nostra identità cristiana ed è la forza che anima la nostra vita quotidiana. Gesù ci conduce dove è andato lui stesso perché non possiamo essere veramente cristiani finché non accettiamo di soffrire per amore degli altri. L'impegno nella Chiesa riflette questa sofferenza. Non meritiamo di essere veri discepoli di Gesù se non portiamo la croce con lui. È una gioia svolgere il servizio nella Chiesa quando è fatto con sincerità e amore, ma il vero amore è inseparabile dalla croce. Amen.