Se non vi convertite, perirete...

Sabato 24 ottobre 2020 — 29a settimana del tempo ordinario — Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca 13, 1-9 — Non mi compiaccio della morte dei malvagi, dice il Signore. Lascia che si allontani dalla sua condotta e che viva !

Leggi tutto...

Mercoledì 23 settembre 2020 — 25a settimana del tempo ordinario — Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca 9, 1-6 — Il regno di Dio è vicino. Convertitevi e credete nel Vangelo.

0 : 00

Questi uomini, che Gesù chiamò apostoli o discepoli, erano uomini di scarsa istruzione; tuttavia Gesù diede loro il potere e l'autorità di vincere i demoni, di guarire i malati e di predicare il vangelo del regno di Dio. Questa missione che Gesù ha affidato ai discepoli è la stessa missione che il Padre gli ha affidato: predicare la Parola di Dio e guarire le malattie per la salvezza degli uomini. Ciò significa che collabora con gli esseri umani. L'annuncio del regno di Dio è accompagnato da segni, come l'espulsione dei demoni e la guarigione dei malati: è l'espressione della venuta del Regno di Dio sulla terra che mette radici nel cuore degli uomini. . Quando tutto il male sarà scomparso, Dio avrà un posto nella vita umana. Coloro che Gesù invia possono fare la sua opera, anche se sono persone comuni come pescatori, esattori delle tasse ... perché hanno ricevuto in loro la potenza di Dio per essere vittoriosi affinché il regno di Dio si diffonda ovunque.

Le parole di Gesù sono anche preoccupanti riguardo al fatto di non prendere nulla co sé nella loro missione. Ciò indica che Gesù li precede, preparando quelli che li accoglieranno ad avere un cuore e un'anima pronti a ricevere la salvezza ovunque si trovino. Pertanto, i discepoli hanno fiducia nel condividere il Vangelo, sia con le parole che con i fatti. Tuttavia, il fallimento è sempre possibile, quindi potrebbero esserci posti che non sono pronti a ricevere la salvezza. Non è affatto colpa dei discepoli. La parola di Gesù è chiara su questo argomento: "Scuotete la polvere dai vostri piedi: sarà una testimonianza contro di loro": la salvezza è stata offerta loro, Dio ha dato la sua grazia, ma loro non sono pronti ad accettarlo. Ci saranno sempre quelli che negheranno la salvezza. Può essere una persona cara: un familiare, un collega, un vicino. È una forma di fallimento nello sforzo di proclamare il vangelo del regno di Dio.

La Chiesa è quindi diventata, attraverso coloro che invia, un segno della salvezza del mondo. Noi battezzati siamo mandati intorno a noi a testimoniare la vita cristiana, una vita sempre piena di gioia che convincerà gli altri che questa vita è perfetta, quella proposta dal Vangelo. Amen.