Non ci sarà più pietra su pietra

Martedì 24 novembre 2020 — 34a settimana del tempo ordinario — Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca 21, 5-11 — Sii fedele fino alla morte, dice il Signore, e io ti darò la corona della vita.

Leggi tutto...

Lunedì 16 dicembre 2019, terza settimana di Avvento
Il Vangelo secondo san Matteo 21, 23-27. 
In verità, Gesù e Giovanni non si contraddicono a vicenda nelle loro azioni; tutti hanno realizzato la missione di proclamare il regno dei cieli. Tutti venivano da Dio ma solo, Giovanni era il precursore e Gesù la realizzazione.

0 : 00

Quindi chiunque crede in Giovanni come profeta dovrebbe credere e confidare in Gesù come il messia precedentemente annunciato, che ha manifestato la gloria e il potere di Dio nelle sue opere e parole.

Chiunque sia sicuro di avere la verità e chi non si interroga nemmeno, come gli scribi e i sommi sacerdoti, non può credere in Gesù come il messia perché chiude il suo cuore al rinnovamento e alla verità annunciata come adempimento del regno di Dio. Pertanto, se vogliamo accrescere la nostra fede e la nostra conoscenza di Gesù, dobbiamo ascoltare il profeta, conoscere il messaggero e il messaggio che non è altro che la Sacra Scrittura. Il nostro amore in Dio crescerà man mano che lo conosciamo.

Oggi stiamo preparando anche la venuta del Signore, come ha fatto questo antico popolo che aveva sete di questa salvezza. Prepariamo il nostro cuore e accettiamo di essere rinnovati affinché il Natale sia davvero una festa gioiosa.

Gesù, non possiamo essere degni senza di te che cammini con noi, non possiamo avere la salvezza senza essere rinnovati. Vieni Signore e non lasciarci troppo fiduciosi, ma brucia il nostro cuore con un ardente desiderio di averti.