Non ci sarà più pietra su pietra

Martedì 24 novembre 2020 — 34a settimana del tempo ordinario — Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca 21, 5-11 — Sii fedele fino alla morte, dice il Signore, e io ti darò la corona della vita.

Leggi tutto...

18 ottobre — Luca visse nel I secolo, di origine siriana, nato ad Antiochia. Alcuni dicono che Luca fosse un pagano, ma alcune fonti dicono che seguisse la religione ebraica. Medico di professione, era anche pittore.

0 : 00

Rigoroso e intelligente, curioso di conoscere Gesù, Luca è andato a cercarlo. Lo vide, credette e ricevette la parola del Signore: "Chi vuole essere mio discepolo, abbandoni tutto e mi segua". Lo applicò alla lettera, seguì il Signore e si pentì. Lo dimostra il suo racconto della vita di Cristo: la passione del Signore, la sua risurrezione, la sua ascensione al cielo e la discesa dello Spirito Santo nel Cenacolo il giorno di Pentecoste. Tutto questo si trova nel Vangelo che porta il suo nome. Luca lasciò Antiochia, la sua patria, e andò ad annunciare il Vangelo.

San Luca era felice di seguire san Paolo e lo prese persino come maestro. Era con lui e lo aiutava, un amico fedele, e tra tutti i viaggi di Paolo, Luca era uno di loro. Non si lamentava e sopportava fatica, sofferenza e persecuzione. Secondo il Canone di Muratori, libro scritto nel II secolo, fu dopo l'ascensione del Signore che Paolo ricevette Luca come suo collaboratore. Non aveva né moglie né figli. Ha seguito Paolo in Macedonia fino al suo arresto e all'esecuzione a Roma. Secondo Epifanio, dopo la morte di Paolo, Luca tornò a predicare il Vangelo in Macedonia, Italia, Gallia e Dalmazia. Si isolò e morì in Boezia all'età di ottantaquattro anni. Nel IV secolo le sue spoglie furono trasferite a Patrasso, nella Chiesa degli Apostoli di Costantinopoli, che qui suscitò la venerazione delle reliquie dei santi.

Secondo la tradizione, San Luca ha scritto il terzo Vangelo e gli Atti degli Apostoli, nelle Sacre Scritture. Il suo vangelo è caratterizzato da un racconto dettagliato dell'incarnazione e della nascita del Salvatore, nonché dell'annunciazione e della visita dell'angelo. Quanto agli Atti degli Apostoli, è il racconto della predicazione dei discepoli del Signore e della vita della Chiesa ai suoi inizi. La tradizione vuole che Luca sia stato benedetto da Maria, la Madre del Signore, per dipingere il suo ritratto. La Beata Vergine Maria stava davanti a Luca mentre dipingeva, e quando il dipinto fu finito, benedisse: "La mia grazia sarà sempre con questa immagine". Molte persone rispettano questa immagine realizzata dalla mano di San Luca. Da notare che San Luca è il patrono dei medici e dei pittori.